L’esercito della morte – Dall’Africa al Carso. Il diario di un volontario irredento Guido Favetti

10,00

3 disponibili

L’esercito della morte – Dall’Africa al Carso. Il diario di un volontario irredento Guido Favetti

Prefazione di Fabio Todero. A cura di Giuseppe Magrin. Dopo la pace del 1866 i detenuti politici vennero liberati, meno Carlo Favetti che continuò a restare chiuso nella sua squallida prigione. Vittorio Emanuele II, informato del fatto, telegrafò a Vienna “O liberate il Favetti, o io sospendo la pensione agli ex impiegati austriaci nelle mie province…!”. La minaccia sortì buon effetto, ma ben presto il Favetti tornò a cadere in disgrazia dell’Austria, e allora si trasfer assieme alla famiglia a Venezia. Questo fu il nonno dell’irredento Guido – il padre era proprietario delle cave di marmo di Aurisina. Il suo diario tratta della sua vita come ingegnere in Africa, i suoi innamoramenti e la volontà di combattere per la liberazione dei territori italiani.

3 disponibili

This field can't be Empty
This field can't be Empty
This field can't be Empty
Categoria:

Product Description

L’esercito della morte – Dall’Africa al Carso. Il diario di un volontario irredento Guido Favetti

RESTA SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI EVENTI ISCRIVITI ORA